Vezzano.net : articoli di Cronaca
Il meteo locale. Che tempo farà?

icona email
Vuoi mandare una mail ?

icona articolo da pubblicare
Vuoi inviare un articolo ?

icona pubblica foto
Vuoi pubblicare una foto ?

icona aprire un blog
Vuoi aprire un blog tutto tuo ?

icona diventa collaboratore
Vuoi diventare un autore ?

icona entrata autori
Sei già un autore e vuoi entrare ?
Articoli di Cronaca
Autore : redazione - mer 02 dicembre 2020 - Cronaca
nece dicembre
Le nevicate a dicembre sono diventate ormai non un evento raro, ma inconsueto.

L'ultima volta due anni fa a metà dicembre.

Per ritrovare nevicate nei primi giorni dell'inverno meteorologico è necessario tornare indietro al 2012.

La nevicata di oggi, molto annunciata, ha imbiancato con neve piuttosto bagnata e pesante tutto il territorio della provincia, con accumuli ovviamente più importanti in appennino.

A Vezzano circa cinque i centimetri caduti sul fondovalle, mentre più di dieci quelli nelle terre vezzanesi più alte.

Possibili altre deboli precipitazioni nella notte, con miglioramento netto dal pomeriggio di giovedì.
Autore : redazione - mar 01 dicembre 2020 - Cronaca
acqua aria
Da questa mattina l'abitato di Vezzano e zone vicine sono senza acqua corrente a causa di una riparazione in corso sulle condotte da parte del gestore Ireti.

E' l'ultimo dei problemi riscontrati in tutto il territorio comunale da domenica, quando in diverse zone l'acqua usciva dai rubinetti ad intermittenza o torbida.

Il problema nasce dal serbatoio di Vindè (che per quelli non pratici di territorio è una località sotto Monte Duro nella zona di Montalto) che serve tutto il nostro territorio.

Il serbatoio era rimasto "a secco" a causa del malfunzionamento di una valvola d'ingresso (l'acqua viene dal serbatoio della Fagiola vicino a San Giovanni di Querciola, ultima tappa prima di Vezzano nel suo viaggio dall'acquedotto della Gabellina).

Risolto il problema al serbatoio di Vindè sono cominciati i problemi a valle a causa dell'aria che si è infilata nella rete di distribuzione creando problemi di pressione a macchia di leopardo all'utenza finale, ma soprattutto causando malfunzionamenti ad altre valvole intermedie, che a questo punto devono essere riparate o sostituite.

Un intervento piuttosto lungo e complesso su cui sono al lavoro i tecnici di Ireti.
Autore : redazione - dom 29 novembre 2020 - Cronaca
null
Come ci si aspettava e come ci si augurava le misure e i divieti previsti per la "zona arancione" hanno cominciato a mostrare gli effetti sperati: questa settimana, per la prima volta da due mesi le diagnosi di positività per Covid-19 in provincia di Reggio sono in calo.

Si è scesi a 1.964 casi, dai 2.301 della settimana precedente. Un calo di quasi il 15%.

Scendono anche i nuovi ricoveri nei reparti ordinari: da 95 a 84, un calo dell'11%.

Per quanto riguarda l'occupazione di posti ospedalieri (il saldo tra nuovi ricoveri e dimissioni) la quota si ferma a 342, in calo rispetto ai 365 di sette giorni prima.

Ancora in crescita purtroppo i posti occupati in terapia intensiva che salgono a 34 dai 29 della settimana scorsa.

In discesa anche i numeri del contagio a Vezzano.

Sono 14 le nuove diagnosi di positività in riva al Crostolo, in discesa dalle 21 della settimana precedente e dalle 29 di quella prima.

Purtroppo da registrare anche un decesso, il secondo di questa ondata autunnale della pandemia, in cui il totale dei casi di positività ha raggiunto a Vezzano quota 120 (il 2,8% della popolazione).

Negli ultimi 7 giorni i comuni reggiani con più diagnosi in rapporto alla popolazione sono stati: Novellara (interessata da un vasto focolaio all'interno di una residenza per anziani) Toano, Campagnola, Quattro Castella, Casina e Casalgrande.

Quelli meno interessati dal contagio: Vetto, Sant'Ilario e Montecchio.

Cosa ci attende ?

Sicuramente altri giorni da "zona arancione" in attesa del nuovo decreto della Presidenza del Consiglio (le misure attuali scadono giovedì 3 dicembre), poi le valutazioni della "colorazione" in base ai dati più aggiornati che potrebbero riportare l'Emilia Romagna in "zona gialla".

Gli ultimi dati sulla nostra regione registrano un indice RT in discesa poco sopra 1 (tra 1,06 e 1,09) ma anche una serie di dati meno confortanti: il numero di focolai è ancora in crescita, l'occupazione a livello sanitario ancora fuori soglia di allerta (34% terapie intensive, 49% reparti), un rapporto positivi su testati in crescita a quasi il 29% (dal 26% della settimana prima) e solo un 76,3% dei casi in cui è stato possibile svolgere "una regolare indagine epidemiologica con ricerca dei contatti stretti/totale di nuovi casi di infezione confermati".

Questo è uno dei dati più importanti da osservare per il futuro: solo riuscendo ad abbassare decisamente i casi settimanali è possibile riprendere un tracciamento efficace e quindi una gestione della pandemia che permetta livelli di vita sociale ed economica più sostenibili.

Una delle lezioni che ci aveva impartito la prima ondata: le pandemie non si vincono con le terapie intensive ma nel testare, tracciare, isolare.
Autore : redazione - dom 22 novembre 2020 - Cronaca
settimana reggio casi
E' passata una settimana dall'introduzione delle misure più stringenti della cosiddetta "zona arancione" sul nostro territorio.

E' presto per valutare l'impatto delle restrizioni.

Occorrerà attendere ancora qualche giorno e un primo bilancio si potrà fare solo alla fine della settimana entrante.

Al momento i numeri che si registrano sono quelli frutto ancora delle restrizioni da "zona gialla".

Come è andata questa settimana ?

A Vezzano negli ultimi sette giorni sono state registrate 21 diagnosi di positività, in calo rispetto alle 29 riscontrate in ciascuna delle settimane precedenti.

L'incidenza degli ultimi 14 giorni, cioè il rapporto tra casi e popolazione, piazza il nostro comune in testa ad una classifica purtroppo in questo caso non positiva. Siamo il secondo comune più colpito, in rapporto alla popolazione, della seconda ondata.

Per quanto riguarda il quadro provinciale la curva cresce ancora leggermente a 2301 casi (settimana precedente erano 2124).

I nuovi ricoveri della settimana in reparti covid sono stati 95 (nella settimana precedente erano stati 98).

Il saldo dell'occupazione dei reparti ospedalieri è sempre in crescita anche se più lenta: 365 i letti occupati in reparti non intensivi contro i 325 di domenica scorsa (+12,4% mentre i sette giorni precedenti il valore era 21%).

Il saldo dei posti occupati in terapia intensiva è arrivato a 29 dai 25 di sette giorni fa.

Cosa ci possiamo aspettare a breve?

Quello che ci si può augurare è che le misure della zona arancione abbiano un maggior impatto degli effetti della "zona gialla", che è riuscita ad interrompere la crescita esponenziale dei casi, ma non a piegare con decisione la curva del contagio.

Se si dovesse registrare ancora un numero costante ma alto di contagi, oltre alla pressione sugli ospedali, non si potrebbe riprendere con efficacia l'attività di tracciamento, l'unica vera arma che abbiamo per i prossimi mesi contro la pandemia e i suoi contraccolpi sanitari, economici e sociali.

riassunto incidenza
null
Autore : redazione - dom 15 novembre 2020 - Cronaca
incidenza
Un'altra settimana che ha fatto registrare a Vezzano numeri importanti per quanto riguarda le diagnosi di positività al virus Sars-CoV-2.

Sono state in tutto 29 le positività riscontrate, lo stesso numero riportato la settimana precedente.

Da registrare purtroppo anche un decesso.

Questi dati portano Vezzano al secondo posto tra i comuni reggiani con la maggior incidenza (numero di casi in rapporto alla popolazione) negli ultimi 14 giorni, preceduto di poco da Carpineti dove si è registrato un focolaio nella locale casa di riposo.

Dall'inizio della "seconda ondata" sono 85 i casi di positività riscontrati a Vezzano.

Com'è la situazione in provincia di Reggio ?

Nella settimana appena trascorsa la crescita dei casi di positività ha rallentato ulteriormente attestandosi a quota 2.124, contro i 2.040 della settimana precedente.

Un primo timido segnale di miglioramento che però dovrà trovare conferma nella prossima settimana (dove si potranno valutare anche gli effetti dei due fine settimana, Santi e successivo, dove le occasioni di contagio sono state maggiori).

Sul fronte ospedaliero la situazione rimane complicata.

Sono 25 i pazienti in terapia intensiva rispetto ai 18 di sette giorni fa.
I nuovi pazienti ricoverati in reparti Covid sono stati 98 rispetto ai 101 della settimana precedente.
I letti occupati invece (frutto del saldo dimessi e nuovi ricoveri) sono saliti a 325 dai 267 della settimana scorsa.

E l'Emilia Romagna ?

Da oggi la nostra regione è in "zona arancione" in base ai dati rilevati tra il 2 e 8 novembre e ci rimarrà, con le regole attuali, per due settimane.

Non è stata una sorpresa, visti i numeri che già si conoscevano.

L'unico dato a migliorare è stato RT (l'indice di trasmissione) che è sceso a 1,4 dall'1,57 precedente. Una variazione che anche se poco significativa, indica una tendenza e mette la nostra regione al di sotto dell'1.5, uno dei limiti fissati dai parametri nazionali per gli scenari di rischio.

Peggiora invece il tasso di positività (la percentuale di tamponi positivi sul totale) che dal 18.7% sale al 24,2%. Aumenta anche il numero di focolai.

Cosa aspettarsi ?

E' difficile dirlo con i dati attuali. Occorre attendere.

La tendenza appare quella di un appiattimento della curva dei contagi, che però ovviamente non basta e che, nel caso, manifesterà i suoi effetti negli ospedali più lentamente.

La previsione più probabile è quella sul tempo: ne servirà parecchio.

Come serviranno pazienza ed impegno.

trend
Autore : redazione - ven 13 novembre 2020 - Cronaca
vecchie nuove regole
Non è servita l'ordinanza di ieri, in zona Cesarini, della regione Emilia Romagna (coordinata con Friuli e Veneto) per evitare lo spostamento del nostro territorio, a partire da domenica, in "Zona Arancione" dove il rischio epidemico è più alto e di conseguenza anche le restrizioni.

La principale differenza con la situazione attuale di "Zona Gialla" sono:

- l'impossibilità di uscire dal territorio comunale se non per motivi di lavoro, salute, istruzione o per usufruire di servizi non presenti sul territorio. (torna l'autocertificazione)
- la chiusura di bar e ristoranti che possono solo svolgere l'asporto o la consegna.

E l'ordinanza regionale ?

Al momento resta operativa e quindi entrerà in vigore domani, con misure che da domenica si potranno sovrapporre a quelle generali delle zone arancioni, in alcuni casi inasprendole.

Ad esempio l'ordinanza regionale prevede che tutti i negozi (esclusi alimentari e farmacie) siano chiusi la domenica e che la mascherina vada portata sempre appena usciti di casa. C'è poi il divieto aggiuntivo di non poter svolgere attività fisica o motoria nei centri delle città o in luoghi "solitamente affollati" e la soppressione dell'ora di ginnastica a scuola (e di quella con strumenti a fiato, come il diffuso flauto dolce).

Per la "zona arancione" infine sono previste anche delle raccomandazioni (che non hanno mai avuto molta fortuna all'interno dei vari dpcm) :

- è raccomandato non spostarsi all'interno del proprio comune se non per necessità.
- è raccomandato di non ospitare in casa persone al di fuori dei propri congiunti.

Secondo le regole attuali, saremo "arancioni" per almeno due settimane.
Vai alla pagina : ...4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14...
vezzano sul crostolo
Ultime foto
null
04.10.17 - Max
Alba a Vezzano
neve in vendina
14.02.15 - redazione
Verso il Monte del Gesso di S. Filiaggi
parcopineta
20.11.14 - redazione
Parco Pineta foto di Andrea G.
I Blog di Vezzano.net
I Blog ospitati su Vezzano.net

LorenzoC
di Lorenzo


Sala Macchine
di M.Gambarelli
Ultimo post : BLOG CEMETERY
Monteduro
di G.Lolli
The Shire
di Puma
Ultimo post : COMMENTI DALLA CLOACA
Alveare
di E.Amari
Ultimo post : POTENZE DEL PENSIERO
Psycdp

Acquista i gadget
Informazioni utili e avvertenze prima dell'acquisto

Visita il negozio

Guarda tutti i prodotti disponibili !

--------

Maglietta uomo Vezzano - paeis ed iesen blu
Vezzano - Paeis ed iesen uomo blu
15,90 euro

Maglietta donna Vezzano - Paeis ed iesen verde
Vezzano - Paeis ed iesen donna verde
17,90 euro

Maglietta Gi che Gni - Vezzano.net
Maglietta Corta
"Gi che Gni"
19,90 euro

Tazza Paeis ed Iesen - Vezzano.net
Tazza
"Paeis ed Iesen"
12,90 euro