Vezzano.net : tutto su Vezzano sul Crostolo
Il meteo locale. Che tempo farà?

icona email
Vuoi mandare una mail ?

icona articolo da pubblicare
Vuoi inviare un articolo ?

icona pubblica foto
Vuoi pubblicare una foto ?

icona aprire un blog
Vuoi aprire un blog tutto tuo ?

icona diventa collaboratore
Vuoi diventare un autore ?

icona entrata autori
Sei già un autore e vuoi entrare ?
Autore : redazione - gio 09 aprile 2020 - Cronaca
null
Sono 1.900 le mascherine che la Regione ha consegnato al Comune di Vezzano perché siano distribuite gratuitamente a tutta la popolazione.

Non si tratta "né di dispositivi medici, né di dispositivi di protezione personale" come ha sottolineato il sindaco Stefano Vescovi.

E' una formula che viene utilizzata per tutte quelle mascherine che non hanno specifiche caratteristiche tecniche filtranti e che si possono produrre, come ha stabilito uno dei decreti di emergenza, "prive del marchio CE e in deroga alle vigenti norme sull'immissione in commercio".

Saranno distribuite casa per casa dai volontari della Protezione Civile (che le stanno imbustando una ad una) a partire dal 14 aprile. Verranno lasciate nella cassetta della posta delle abitazioni.

Accanto a queste i volontari lasceranno un'altra busta con due ulteriori mascherine fornite direttamente dal Comune, diverse dalle prime e non usa e getta, ma lavabili e riutilizzabili.

Sono circa 1.800 i nuclei familiari vezzanesi.

Il sistema pubblico-privato dell'Emilia Romagna punta nelle prossime settimane a rendere operativa su larga scala una filiera di produzione per soddisfare la crescente domanda di mascherine, uno di quegli accessori che ci accompagneranno per diversi mesi.
Autore : redazione - mer 08 aprile 2020 - Cronaca
test tracciare
Da fine marzo la capacità della provincia di Reggio di eseguire ed analizzare tra i 600 e 700 tamponi al giorno, ha fatto crescere i numeri del contatore dei contagi, facendoci superare tutte le altre province della regione.

Nella giornata di oggi i test positivi sono stati 137.

Per molti aspetti questi record, tamponi e positivi scovati, sono un buon segno.

Cerchiamo e troviamo quasi tutti casi lievi (solo 15 positivi sono stati ricoverati in ospedale e non in terapia intensiva).

Una strategia più aggressiva contro il virus che anche a Vezzano ha portato ad individuare nel mese di aprile otto nuovi casi.

Testare, isolare e tracciare. E' l'unica strategia possibile.

In particolare sui due fronti che gli esperti sottolineano: residenze per anziani e contagi intrafamiliari, ovvero all'interno della famiglia.

Andare a cercare e scovare più positivi non è quindi una brutta notizia.

Ma ci dice anche che non è possibile abbassare la guardia, che è necessario mantenere saldo l'elemento fondamentale: il distanziamento sociale, che oggi è tradotto in sostanza nel confinamento, ma che nel prossimo futuro richiederà grande senso di responsabilità e autodisciplina in tutti gli ambiti di vita quasi sociale (nel lavoro, nel fare la spesa, nei servizi).
Autore : redazione - lun 06 aprile 2020 - Cronaca
niente festa asparago
Non ci sarà l'edizione 2020 della "Festa dell'Asparago" appuntamento che sarebbe giunto alla quindicesima edizione, a questo punto spostata al 2021.

La decisione presa dalla giunta comunale è dettata ovviamente dall'emergenza Covid19.

La Festa dell'Asparago, la manifestazione che apre la stagione delle feste all'aperto vezzanesi, si sarebbe dovuta svolgere domenica 3 maggio.

E' del tutto probabile che, anche con un prossimo allentamento delle norme di quarantena, eventi con presenza di assembramenti consistenti di persone come fiere e sagre saranno a forte rischio di annullamento anche per i mesi a venire.
Autore : redazione - sab 04 aprile 2020 - Cronaca
vezzano venturi
Per molti emiliano romagnoli l'appuntamento serale con le parole del commissario ad acta per l'emergenza Covid19 in regione, Sergio Venturi, è diventato un momento importante per valutare l'andamento della pandemia nei nostri territori.

Questa sera il commissario Venturi ha citato anche il nostro comune, inserendolo in una lista di comuni virtuosi o fortunati che "sono riusciti a tenere lontano il virus" e che registrano "un massimo di 3 infetti per tutta la popolazione".

Insieme a Vezzano è stato citato anche Quattro Castella.

Ovviamente si tratta di un errore od incomprensione, di certo in buona fede, che rischia però di trasmettere un messaggio sbagliato, quello di essere stati toccati solo marginalmente da questa emergenza e dalla pandemia.

Non è così.

Dai dati divulgati dall'Ausl di Reggio Emilia e desumibili seguendo gli organi di stampa, si sono registrati almeno 3 decessi legati al nostro territorio dall'inizio dell'emergenza e solo in questi giorni di aprile sono stati comunicati almeno 3 casi di nuove positività ai test.

Del resto come ha ripetuto più volte il sindaco Stefano Vescovi "non siamo immuni, nessun comune lo è, nessuna provincia, nessuna regione".

Ancor maggiore la discrepanza a Quattro Castella dove tra decessi e positività i numeri sono ben più alti (data anche la popolazione).

A oggi la provincia di Reggio Emilia ha registrato 2908 contagiati, il numero virtualmente più alto in regione. Virtualmente perché il nostro record dipende più che altro dal maggior numero di test eseguiti: più cerchiamo e più troviamo.

Ma i numeri dell'epidemia sul nostro territorio ovviamente sono ben più alti dei casi registrati. Attualmente infatti la letalità in provincia di Reggio è poco sotto il 9%. Ovvero su 100 contagiati si registrano 9 decessi. Una cifra non reale, lontano dalla letalità vera di questo virus che si attesta tra l'1 e il 2%.

Conclusione: i contagiati finora, tra asintomatici, paucisintomatici e malati, sono almeno sette volte di più del numero attuale.

Ed è una stima assolutamente prudenziale, perché è quasi certo che diversi decessi sono sfuggiti al radar del test per Covid19.

Un quadro più chiaro si potrà avere quando Istat, nei prossimi giorni, pubblicherà i dati sui decessi totali fino al 31 marzo, confrontati con la media degli anni scorsi.

--------------------

Di seguito la replica del sindaco Stefano Vescovi ai dati comunicati dal commissario Venturi
Autore : redazione - sab 04 aprile 2020 - Cronaca
buoni spesa covid
Il Comune di Vezzano (assieme ai comuni dell'Unione e dell'intera provincia) ha messo in atto le modalità concrete ed operative per distribuire i fondi stanziati dal governo per la spesa alimentare delle persone in difficoltà.

I fondi per Vezzano ammontano a circa 22.000 euro (più i contributi privati che sono arrivati e arriveranno sul conto corrente che troverete a fondo dell'articolo).

In cosa consiste l'aiuto ?

Si tratta di "buoni spesa" per acquisti alimentari (esclusi superalcolici) da spendere negli esercizi commerciali locali che verranno individuati in questi giorni. La cifra del buono spesa varia a seconda del nucleo familiare.

1 componente: buono alimentare pari ad euro 150
2 componenti: buono alimentare pare ad euro 250
3 componenti: buono alimentare pari ad euro 300
4 componenti: buono alimentare pari ad euro 350
5 componenti ed oltre: buono alimentare pari ad euro 400

Come si ottiene il buono spesa ?
Autore : redazione - mer 01 aprile 2020 - Cronaca
morti fantasma
Alla giornata di ieri il conteggio dei decessi legati a Covid19 di cittadini residenti nella provincia di Reggio ammontava alla dolorosa cifra di 208.

E' però ormai certo che si tratti di un numero approssimato in difetto.

La conferma arriva dall'elaborazione di alcuni dati forniti oggi da Istat sui decessi totali fino al 21 marzo di quest'anno.

Confrontando i decessi con quelli degli anni precedenti è purtroppo facile notare una grande differenza in termini numerici e percentuali, che non è spiegabile con i soli decessi ufficialmente registrati per Covid19.

I dati Istat per la nostra provincia riguardano 25 comuni (tra cui Vezzano) che rappresentano circa il 45% della popolazione totale.

I dati dei decessi tra il 1 gennaio di quest'anno e l'inizio di marzo sono in linea con quelli delle annate precedenti se non inferiori.

I dati di marzo, inizio dell'epidemia nella nostra provincia, segnano invece un'impennata: da 144 del 2019 a 246 del 2020, un aumento di 102 unità pari al 70% di incremento.

Fino al 21 marzo (data in cui terminano per il momento i dati raccolti da Istat) i decessi registrati per covid19 nei 25 comuni erano solo 40.

E' quindi del tutto realistico pensare che stiamo ignorando un numero molto alto di decessi legati all'epidemia.

E non è solo un problema statistico.

I decessi sono uno dei pochi indicatori affidabili che ci permettono di calcolare a ritroso la reale diffusione del contagio.

E sapere quanto è diffuso il nostro nemico è essenziale per il presente e per il futuro.

decessifantasma
Autore : redazione - mar 31 marzo 2020 - Cronaca
spesa alimentare
Lo scorso fine settimana il Governo italiano ha stanziato 400 milioni di euro per venire incontro, urgentemente, ai bisogni alimentari di base delle fasce di popolazione dal reddito basso o inesistente a causa del blocco delle attività non essenziali.

Lo strumento utilizzato è quello dello stanziamento diretto ai Comuni secondo criteri proporzionali per popolazione ed indice di povertà.

Per il territorio di Vezzano la cifra che viene stanziata è di 22.642 euro.

Questi fondi servono esclusivamente per acquisti alimentari di nuclei familiari in stato di necessità.

I servizi sociali dell'Unione delle Colline Matildiche sono quelli che hanno in mano la fotografia più aggiornata, ma non ancora completa, delle situazioni più esposte. Attraverso di loro passerà, in modalità ancora da definire, l'erogazione finale di questi fondi.

Già normalmente durante l'anno la Caritas, in coordinamento con i servizi sociali del nostro territorio, eroga regolarmente una spesa alimentare a favore dei nuclei famigliari più economicamente fragili.

Nel provvedimento del Governo è stata data la possibilità di attivare anche raccolte fondi private per contribuire a questi fondi alimentari.

Il Comune di Vezzano ha dato queste indicazioni per poter donare:

Iban conto corrente : IT 37 X 05034 66420 0000 00066000
Causale: "Donazione a favore di interventi per emergenza Covid-19"

(è il conto della tesoreria dell'Unione Colline Matildiche)

Le donazioni sono detraibili per il 30% dalla dichiarazione dei redditi.
Autore : redazione - dom 29 marzo 2020 - Cronaca
La pandemia di Covid19 nella provincia di Reggio registra a sabato 28 marzo questi numeri:

1996 casi positivi totali
160 decessi
69 ricoverati in terapia intensiva

Il primo numero, quello dei risultati positivi, è una grandezza sottostimata rispetto alla realtà. Questo è ormai un dato acquisito da diverso tempo. Quanto sottostimato ? Non è semplice stabilirlo con esattezza, ma partendo da alcuni dati certi è immaginabile che il numero delle persone contagiate a Reggio e provincia sia 7 volte tanto, ovvero quasi 15.000 casi.

Sono persone che hanno sintomi lievi o addirittura assenti, ma che possono comunque comportare una fonte di contagio per altri, in particolare familiari, colleghi (se ancora lavorano), incontri occasionali.

E' per questo che stiamo osservando questa quarantena di massa, per tenerci lontani dagli altri il più possibile, per non contagiare ed essere contagiati.

Cosa fare se si accusa qualche sintomo

Oltre agli asintomatici, cioè persone che non hanno sintomi della malattia, esistono quelli che in termine tecnico vengono definiti "paucisintomatici" cioè con sintomi lievi.

In questo caso è essenziale al primo insorgere, anche lieve, di uno solo dei sintomi sospetti (tosse, febbre, difficoltà respiratoria, mal di gola) contattare telefonicamente il proprio medico che poi valuterà e se nel caso vi indirizzerà al percorso diagnostico corretto.

Nel frattempo è atto di assoluto buon senso, soprattutto verso le persone che ci stanno più vicine, di attuare isolamento e un marcato distanziamento dagli altri all'interno della propria abitazione. (ovviamente è vietato anche dalle attuali norme uscire dal domicilio con più di 37,5 gradi di febbre).

Nel caso il percorso sanitario porti ad una diagnosi da Covid19, le autorità di sanità pubblica devono provvedere a mettere in isolamento domiciliare tutti i contatti più stretti, attuando una sorveglianza attiva su questi soggetti, che risiede in sostanza in telefonate a domicilio per verificare giorno per giorno il possibile insorgere di sintomi.

L'efficacia delle indagini epidemiologiche, cioè individuare tutti i contatti a rischio di un paziente trovato positivo a Covid19, e il tema della "sorveglianza attiva sanitaria" sono la sfida che ci attende, anche dal punto di vista tecnologico, nei futuro più prossimo.
Autore : redazione - sab 28 marzo 2020 - Cronaca
Continuano i gesti concreti di solidarietà della comunità vezzanese nei confronti delle strutture e del personale sanitario in prima linea nell'epidemia di Covid19.

Le attività imprenditoriali, artigianali e commerciali del territorio, coordinate dal Comune di Vezzano, hanno raccolto fino a giovedì 26 marzo la cifra di 29.620 euro che saranno devoluti dell’Asl di Reggio Emilia per affrontare l'emergenza coronavirus.

La raccolta di fondi vezzanese proseguirà fino a lunedì 30 marzo.

Si può donare con un bonifico a IT34Y0306902477100000046052 Intesa San Paolo SpA – AUSL Reggio Emilia con causale “Emergenza COVID-19” – a seguito della quale si può inviare un mail al Comune per informare della donazione.
Autore : redazione - mar 24 marzo 2020 - Cronaca
contagio vezzano
Nella giornata di ieri la stampa locale ha diffuso la notizia di due decessi legati a Covid19 nel territorio di Vezzano.

La fonte è il consueto bollettino che l'Azienda Sanitaria di Reggio distribuisce giornalmente agli organi di stampa.

Non vengono diffuse ovviamente informazioni specifiche sui malati o sui nomi dei deceduti.

I dati più puntuali sono legati ai decessi, dove viene anche indicata la residenza per Comune.

Non ci sono invece dati divisi territorialmente per quanto riguarda i contagiati dal virus. Il dato minimo è quello provinciale.

Informati sui casi presenti in ogni Comune sono ovviamente i sindaci, che adottano linee diverse per quanto riguarda la comunicazione.

Questa sera il sindaco Stefano Vescovi ha ribadito, in un aggiornamento su Facebook, che non ha intenzione di esporre, nè ora nè mai (in accordo con Asl) il “bollettino di guerra” a livello comunale.

Anche nelle pagine di cronaca locale gli articoli su diversi decessi legati evidentemente al contagio di Covid19 vengono identificati spesso come generiche "polmoniti", quasi ad indicare uno stigma sociale nei confronti di chi si ammala.

Come nella gestione dell'emergenza, anche nel caso della comunicazione, i territori vanno in ordine sparso.

Per la Lombardia esistono dati pubblici (e mappe) con i casi di contagio a livello comunale. Anche nelle Marche sono resi pubblici non solo i casi di decesso ma anche i contagi a livello comunale. Non accade invece in Emilia, dove la divulgazione dei dati è aggregata a livello provinciale e solo sporadicamente i sindaci forniscono i dati puntuali per il proprio territorio.

Due diversi approcci che hanno ragioni diverse.

La non divulgazione dei dati a livello comunale vuole preservare dati sensibili come quelli sullo stato di salute dei cittadini e dall'altro non creare allarmismo ed intralcio all'operato di sanità pubblica che deve contenere la diffusione del contagio.

La linea della pubblicità dei dati invece segue ragioni di trasparenza nei confronti della cittadinanza, per metterla al corrente della dimensione del problema e della vicinanza del pericolo.

Queste due linee di pensiero ed operatività potrebbero essere presto rese antiquate dallo sviluppo di strategie di tracciamento digitale del contagio (che sono già sul tavolo del Governo Italiano) .

Una delle più interessanti (e meno invasive per la privacy) è stata appena lanciata a Singapore e si chiama "Trace Together" .
Articoli meno recenti
12.03.20 - Passeggiate intelligenti ...
11.03.20 - Chiuso per pandemia ...
07.03.20 - Dentro la Zona Rossa ...
vezzano sul crostolo
Ultime foto
null
04.10.17 - Max
Alba a Vezzano
neve in vendina
14.02.15 - redazione
Verso il Monte del Gesso di S. Filiaggi
parcopineta
20.11.14 - redazione
Parco Pineta foto di Andrea G.
I Blog di Vezzano.net
I Blog ospitati su Vezzano.net

LorenzoC
di Lorenzo


Sala Macchine
di M.Gambarelli
Ultimo post : BLOG CEMETERY
Monteduro
di G.Lolli
The Shire
di Puma
Ultimo post : COMMENTI DALLA CLOACA
Alveare
di E.Amari
Ultimo post : POTENZE DEL PENSIERO
Psycdp

Acquista i gadget
Informazioni utili e avvertenze prima dell'acquisto

Visita il negozio

Guarda tutti i prodotti disponibili !

--------

Maglietta uomo Vezzano - paeis ed iesen blu
Vezzano - Paeis ed iesen uomo blu
15,90 euro

Maglietta donna Vezzano - Paeis ed iesen verde
Vezzano - Paeis ed iesen donna verde
17,90 euro

Maglietta Gi che Gni - Vezzano.net
Maglietta Corta
"Gi che Gni"
19,90 euro

Tazza Paeis ed Iesen - Vezzano.net
Tazza
"Paeis ed Iesen"
12,90 euro